Top
sagre lazio

Sagre Lazio: un accostamento infallibile per i tanti turisti ed escursionisti che in estate affollano la nostra amata regione.

Durante la bella stagione infatti i paesini e i borghi che gravitano attorno alla Città Eterna si animano di feste enogastronomiche organizzate ancora dalle comunità locali.

Un modo per celebrare i prodotti d’eccellenza tipici dei luoghi, ma soprattutto uno strumento per gli abitanti di mantener vivo lo spirito di aggregazione e l’affezione al proprio territorio.

Per elencarle tutte non basterebbe pagine e pagine di articoli, per questo noi di Kelle Terre abbiamo deciso di segnalarvene 5 particolarmente rappresentative dell’area del Cassinate:

1) Sagra delle Ciliegie, Pastena (FR)

sagre lazioDomenica 9 giugno 2019

74ª edizione della Sagra delle Ciliegie, un evento che ogni anni porta migliaia di turisti a visitare questo piccolo e delizioso borgo immerso nel verde Parco dei Monti Ausoni e Lago di Fondi.

La manifestazione è nata nel 1936 con un decreto prefettizio del Sindaco e Podestà Col. Ernesto Trani che istituì una fiera di merci e bestiame da svolgersi ogni prima domenica del mese di giugno.

Il trasporto delle merci veniva effettuato con carri trainati da asini o buoi, addobbati di ciliegie. Ogni anno i carri venivano addobbati sempre di più e la fiera divenne una manifestazione folkloristica, che oggi è la famosa “Sagra delle Ciliegie”.

Ogni contrada per mesi lavora alla realizzazione dei carri con l’intento di creare il carro più bello e vincere questa bella e sana competizione che ogni anno appassiona tutta la popolazione e tutti gli spettatori intervenuti.

Su ogni carro vi sono giovani e meno giovani, in costume tipico, che cantano e ballano stornelli di musica popolare ciociara allietando e facendo divertire il numeroso pubblico presente.

Link evento

2) Sagra del Tartufo, Santi Cosma e Damiano (FR)

sagre lazioDomenica 23 giugno 2019

Una prima edizione quella della Sagra del Tartufo di Santi Cosma e Damiano che presenta però tutte le condizioni per avere un grande successo.

Non solo degustazioni attorno al vero e proprio oro della gastronomia, ma tradizione, artigianato e spettacoli folklorici.

L’evento organizzato dalla locale Pro Loco gode del Patrocinio oltre del Comune di Santi Cosma e Damiano e della XVII Comunità dei Monti Aurunci.
______________________
Programma
Ore 8.00 Apertura Stand enogastronomici e del mercatino artigianale
Ore 09:00 Santa Messa
Ore 10:00 Esibizione falconieri romani, artisti di strada e giochi per bambini – trampolieri gonfiabili e mangiafuoco, gruppi folkloristici
Ore 16:00 Sfilata
Ore 19:00 Apertura degustazione
Ore 21:00 Spettacolo Aria Sud
Ore 23:00 Estrazione della lotteria

Link evento

3) Arrète Castéglie, Arce (FR)

sagre lazioSabato 29 e Domenica 30 giugno

“Arrète Castéglie”, dal nome dell’antico borgo situato nel piccolo paesino di Arce (FR) alle spalle della Parrocchia dedicata ai Santi Pietro e Paolo in via del Soldato Ignoto, luogo denominato appunto, dai cittadini Arcesi “Arrète Castiéglie”.

Su note antiche viaggiando verso sonorità moderne nasce “Arrète Castéglie, un percorso che fa esplorare le passate consuetudini musicali e gastronomiche di questi luoghi.

Un tuffo tra i tramontati mestieri locali durante il quale si ha la possibilità di ammirare le creazioni degli artigiani liutai e ascoltare le melodie di gruppi itineranti animare il viaggio che si conclude a sera con un concerto di chiusura.

Programma in corso di definizione

Link evento

4) Sagra del Cinghiale, Arpino (FR)

sagre lazio

Venerdì 2 Agosto 2019

La Sagra si svolge nella frazione di Collecarino in località Campetto, in concomitanza delle celebrazione della 49° Edizione del Gonfalone di Arpino. Il piatto è stato il 1^ classificato nel 2016 tra i piatti tipici. “

5) Sagra delle Fettuccine, Collepardo (FR)

Giovedì 15 agosto 2019

Una delle feste più antiche e rappresentative dell’intera Ciociaria: la Sagra delle Fettuccine di Collepardo, giunta quest’anno alla sua 43esima edizione.

La Sagra, organizzata su base completamente volontaria, si svolge ogni anno il 15 di agosto.

Circa 5 o 6 giorni prima del 15 agosto il gruppo delle massaie volontarie inizia la lavorazione, esclusivamente a mano, del tradizionale impasto (uova e farina bianca).

La sera precedente l’evento viene preparato il sugo, basato sull’antica ricetta paesana (carne, castrato, pomodoro ed erbe aromatiche).

E finalmente, nel pomeriggio dei giorni della manifestazione, la pasta viene cotta in grandi caldaie di rame e distribuita con l’aggiunta del sugo e del pecorino locale (o, a richiesta, anche del parmigiano).

Particolarmente pittoresca la tradizionale “Gara dei mangiatori di fettuccine”, nella quale i concorrenti, con le braccia legate dietro la schiena, si sfidano a chi riesce a mangiare più velocemente un intero piatto di fettuccine, usando solo … la bocca!

Leave a Reply: